Ecografia

L’ecografia è una metodica diagnostica non invasiva che utilizzando ultrasuoni (onde sonore) emessi da particolari sonde appoggiate sulla pelle del paziente, consente di visualizzare organi, ghiandole, casi sanguigni, strutture sottocutanee ed anche strutture muscolari e tendinee in numerose parti del corpo.

 

Durante l’esecuzione dell’ecografia, l’area da esaminare viene inumidita con un apposito gel, non tossico, che consente una migliore trasmissione degli ultrasuoni attraverso il corpo umano.

L’ecografia costituisce uno dei primi approcci allo studio del corpo umano, fatta eccezione della parte scheletrica e delle strutture interne alla scatola cranica. Gli ultrasuoni, infatti, non sono in grado di studiare le strutture ossee.

I principali vantaggi dell’ecografia rispetto alle altre metodiche sono:

 

- Innocuità: ossia gli ultrasuoni non sono dannosi per i tessuti biologici a differenza delle radiazioni ionizzanti.

- Ripetibilità: questo esame può essere ripetuto diverse volte.

- Ben tollerata e non invasiva: a differenza della TC (tomografia computerizzata), non dà nessun fastidio al paziente

- Rapidità di esecuzione: possono bastare pochi minuti al medico per un esame di base.

 

Ecografia chi la fa e quando fare la prima ecografia?

 

L’ecografista è il medico o il tecnico specializzato nell’impiego dell’ecografo come mezzo d’indagine diagnostica e di controllo, quindi solo una persona qualificata può effettuare questo tipo di esame.

 

La prima ecografia è bene effettuarla all’inizio del percorso se e quando è necessario sotto richiesta del medico curante o dello specialista al quale viene affidato il proprio percorso di cure.

 

 

Tra gli esami più richiesti troviamo:

 

  • ecografia osteo articolare

  • ecografia muscolare

  • ecografia capsulolegamentosa

  • ecografia addominale

  • ecografia degli organi interni

  • eco-color-doppler